Il TSH (thyroid stimulating hormone), è un ormone prodotto dall’ipofisi che regola l’attività della tiroide, favorendo l’assorbimento dello iodio (componente fondamentale degli ormoni della tiroide) da parte delle ghiandole e la produzione degli ormoni tiroidei, T3 e T4.

L’aumento del TSH (oltre i 20 mU/l) indica con grande probabilità ipotiroidismo primario o adenomi ipofisari TSH secernenti. Inoltre, i livelli di TSH possono essere più elevati in gravidanza, durante terapia con estroprogestinici, carbonato di litio, potassio, nel post-climaterio con alti livelli di FSH, per assunzione di eroina o metadone.

La sua diminuzione, invece, (accompagnata da assenza di risposta al TRH) è segno di ipotiroidismo dovuto a disfunzioni dell’ipofisi.

L’abbassamento del TSH accompagnato da aumento di T3 e T4 è segno di ipertiroidismo.

 

(V.N. 0.4-5 microUI/ml – Metodica ELFA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

POSTED BY admin | Feb, 06, 2021 |