L’ammoniaca in forma di ioni ammonio (NH4+) deriva dalla degradazione degli amminoacidi da parte della flora batterica intestinale ed è poi trasportata al fegato attraverso il circolo portale. Nell’uomo e negli altri animali ureotelici l’ammoniaca è trasformata in urea, una sostanza meno tossica ed eliminabile con le urine.
Valori elevati di ammoniemia si riscontrano nelle gravi epatopatie, cirrosi epatica, ischemia renale ed uremia.

Uno stato di iperammoniemia si verifica anche a causa di alcuni difetti congeniti del metabolismo legati a carenze o difetti di alcuni enzimi implicati nel ciclo dell’urea e come conseguenza della sindrome di Reye, una malattia che colpisce i bambini trattati con salicilati (aspirina) in seguito ad infezioni delle prime vie respiratorie o varicella.

 

V.N. 10-75 mg / dl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

POSTED BY admin | Feb, 06, 2021 |